Creval

Investire in modo sicuro è possibile se si sceglie lo strumento giusto. Molte tipologie di investimento offrono elevati profitti, a patto però di correre il rischio di perdere una parte o addirittura tutto il capitale. Uno strumento di investimento sicuro è invece il conto deposito.

Fra i migliori conti deposito rientra il conto deposito Creval, un conto di investimento ad alto rendimento gestibile completamente online. Aprire questo conto di liquidità è semplicissimo, basta seguire la procedura guidata sul portale web ufficiale. Eventualmente è possibile richiedere assistenza per avere un consulente personale in aiuto durante tutta la fase di apertura del conto.

Come funziona il conto deposito Creval

Con il conto deposito Creval è possibile depositare da un minimo di 5.000 euro ad un massimo di 200.000 euro. Un grande vantaggio offerto dal gruppo Creval è l’opportunità di poter aprire fino a cinque conti intestati alla stessa persona, per un investimento massimo totale di un milione di euro (per ogni singolo conto vale la limitazione massima di 200.000 euro di deposito).

credito valtellineseIl conto deposito Creval prevede che il denaro depositato venga vincolato. I vincoli disponibili sono due ed offrono interessi differenti: il vincolo a 12 mesi offre un interesse annuo dello 0,7%, mentre il vincolo a 24 mesi offre un interesse dell’1,60% annuo. Il conto di investimento Creval prevede nessun costo di apertura e nessun costo di mantenimento, l’unica spesa è l’imposta di bollo. Per depositare i risparmi basta un bonifico dal proprio conto corrente principale. Il denaro investito nel conto deposito Creval è assicurato dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, fino alla cifra massima depositata di 100.000 euro.

Un punto a sfavore di questa soluzione di investimento risiede nella penale per svincolare il denaro. Tutte le somme depositate devono essere vincolate a 12 mesi o a 24 mesi e possono essere svincolate in qualsiasi momento, pagando però una penale pari all’1%.

Il conto deposito Creval conviene?

A questo punto non ci resta che capire se il conto deposito Creval sia o meno conveniente. Partendo sempre dal presupposto che per determinare il vantaggio di un prodotto bisogna sempre determinare quali sono le proprie esigenze è comunque fare alcune considerazioni di base.

Il tasso di interesse che Creval garantisce ai propri clienti che vincolano il patrimonio è molto interessante (1,60%) ma non ci piace la penale per la riscossione anticipata. In sostanza se sei sicuro di non aver bisogno di quei soldi fino a scadenza allora questo conto deposito potrebbe fare al caso tuo, altrimenti ti consiglio o di non vincolare la somma oppure di optare per un altro prodotto.

Opinioni e Informazioni Migliori Conto Deposito

Conto Corrente Cointestato: cosa fare in caso di morte di uno dei cointestatari? Ormai la maggior parte degli italiani dispone di un conto corrente, strumento finanziario per gestire al meglio il proprio denaro. Permette infatti il versamento e il prelievo del contante, il trasferimento tramite bonifici, l'accredito dello stipendio, il deposito dei i propri risparmi e molto altr...
Conto Deposito Santander 2017: ioSCELGO o ioPOSSO? Chi ha una discreta somma messa da parte e vuole investire in un conto deposito facendo fruttare i propri risparmi può optare per il conto deposito Santander 2017 che fa parte del gruppo di istituti di credito europei e americani, il Banco Santander. In Italia la banca si occupa di diversi prodot...
Conti Deposito 2017: perché non hanno più il successo di una volta? Rivoluzione e aria di cambiamento per il 2018: le norme che rientrano nel MiFid II andranno infatti a cambiare i conti deposito, portando avanti due fattori fondamentali, quali la trasparenza e la riduzione dei costi. Sono proprio questi due aspetti che stanno determinando l'evoluzione negativa d...
Imposta di bollo sui conti correnti e i conti deposito, come si applica e chi ne è esente A cinque anni dall'entrata in vigore dell'imposta di bollo su conti correnti, libretti di risparmio e conti deposito, oggi questa tassa rientra nelle spese bancarie fisse. A seconda della rendicontazione bancarie può essere addebitata per intero a fine anno oppure suddivisa a rate. L’imposta di b...