Rendimax

Continuiamo il nostro viaggio alla scoperta dei pregi e difetti dei principali conti deposito, strumenti che continuano a riscuotere un grande successo nonostante il tasso di interesse sia sceso nel orso degli ultimi anni. Oggi è la volte del gruppo Banca Ifis, fondato nel 1983, ch offre un conto di investimento sicuro e redditizio. Si tratta del conto deposito Rendimax, disponibile in diverse versioni a seconda delle esigenze del singolo investitore.

La prima possibilità di investimento consiste nella scelta del conto deposito Rendimax Libero, con il quale è possibile far maturare il proprio capitale senza vincolare le somme versate. L’interesse offerto è dello 0,75% annuo lordo. Gli interessi maturano ogni giorno e sono accreditati sul conto ogni tre mesi. Il denaro può essere prelevato in qualsiasi momento, senza alcuna limitazione, dal momento che non è vincolato.

Rendimax: come funziona

La seconda possibilità di investimento consiste nella scelta del conto deposito Rendimax Like, una tipologia di conto deposito non proposta da nessun altro istituto di credito. Si tratta di un conto che potremmo definire semi-vincolato, dal momento che le somme depositate sono vincolate ma è possibile svincolarle senza penale, effettuando una chiamata e prenotando la cifra necessaria.

Bisognerà attendere 33 giorni prima di poter ritirare effettivamente il denaro, che quindi, a differenza dell’opzione conto Libero, non sarà immediatamente disponibile.

rendimaxL’interesse offerto per il conto deposito Rendimax Like è dell’1,05% annuo lordo. Il vincolo non ha scadenza, ma il termine dello stesso viene stabilito nel momento in cui si richiede il prelievo della somma di denaro. Gli interessi maturati sono accreditati ogni tre mesi direttamente sul conto. Il capitale minimo per l’apertura di questa tipologia di conto di investimento è di mille euro.

L’ultima possibilità di investimento è il conto deposito Rendimax Family Top, un conto di investimento vincolato e con elevati tassi di interesse. Per il vincolo a tre anni il tasso di interesse è del 2,15% annuo lordo, per il vincolo a quattro anni il tasso è del 2,30% annuo lordo e per il vincolo a cinque anni il tasso di interesse è del 2,6% annuo lordo. Anche in questo caso, la cifra minima da investire è di mille euro.

Rendimax.it opinioni

Al momento il conto Rendimax è una delle soluzioni più interessanti che si possano trovare in questo particolare settore. Il tasso di interesse si allinea con quello del mercato e la varietà di soluzioni a disposizione del cliente permettono di personalizzare l’oferta sulla base delle proprie esigenze. Si tratta, quindi, di un prodotto di sicuro interesse che deve essere preso in considerazione in fase di comparazione.

Rendimax.it è il sito di riferimento di questo eccellente prodotto destinato ai clienti che vogliono optare per un conto deposito vincolato e non. A questo punto siamo davvero molto interessati a conoscere le vostre opinioni in merito a Rendimax, pertanto se volete potete scriverci e farci conoscere la vostra esperienza. Invece, per avere maggiori informazioni sulle condizioni del conto deposito Rendimax puoi visitare il sito ufficiale del gruppo.

Opinioni e Informazioni Migliori Conto Deposito

Conto Corrente Cointestato: cosa fare in caso di morte di uno dei cointestatari? Ormai la maggior parte degli italiani dispone di un conto corrente, strumento finanziario per gestire al meglio il proprio denaro. Permette infatti il versamento e il prelievo del contante, il trasferimento tramite bonifici, l'accredito dello stipendio, il deposito dei i propri risparmi e molto altr...
Conto Deposito Santander 2017: ioSCELGO o ioPOSSO? Chi ha una discreta somma messa da parte e vuole investire in un conto deposito facendo fruttare i propri risparmi può optare per il conto deposito Santander 2017 che fa parte del gruppo di istituti di credito europei e americani, il Banco Santander. In Italia la banca si occupa di diversi prodot...
Conti Deposito 2017: perché non hanno più il successo di una volta? Rivoluzione e aria di cambiamento per il 2018: le norme che rientrano nel MiFid II andranno infatti a cambiare i conti deposito, portando avanti due fattori fondamentali, quali la trasparenza e la riduzione dei costi. Sono proprio questi due aspetti che stanno determinando l'evoluzione negativa d...
Imposta di bollo sui conti correnti e i conti deposito, come si applica e chi ne è esente A cinque anni dall'entrata in vigore dell'imposta di bollo su conti correnti, libretti di risparmio e conti deposito, oggi questa tassa rientra nelle spese bancarie fisse. A seconda della rendicontazione bancarie può essere addebitata per intero a fine anno oppure suddivisa a rate. L’imposta di b...