Conti Deposito 2018: anticipazioni e previsioni

CONTO DEPOSITO: definizione

Identifica il rapporto che intercorre tra un Istituto di Credito (Banca) e una persona giuridica (Cliente).
Sostanzialmente la Banca con il Conto Deposito offre due servizi:
– si impegna a “conservare” nella disponibilità del Cliente le somme di danaro versate “senza intaccare il capitale”
– remunera il capitale versato attraverso la corresponsione di un interesse legato a due fattori: l’importo e la durata del deposito. Infatti il conto deposito può essere di due tipi, libero o vincolato. Nel primo caso il cliente ha l’immediata disponibilità dei soldi depositati in qualsiasi momento, nel secondo caso deve invece aspettare il termine del periodo concordato (generalmente tra uno a 36 mesi) a meno di accettare il pagamento di penali precedentemente concordate o addirittura di rinunciare agli interessi maturati.CONTO DEPOSITO: nessun servizio aggiuntivo

Su un conto deposito il Cliente non ha nessuno dei servizi offerti dai normali conti correnti: può solo depositare e prelevare, ma non dispone di assegni e/o carte di credito, non può effettuare o ricevere bonifici e pagamenti. Fino a qualche anno fa i conti depositi erano offerti come semplici servizi aggiuntivi – spesso a titolo gratuito – dei conti correnti: il contrarsi degli utili delle banche conseguenza della crisi avviata con il fallimento della Banca americana Lehman Brothers del 2008 e la concorrenza dei conti correnti online hanno portato a questa separazione e all’incremento dei costi.

CONTO DEPOSITO: origine

Il primo conto deposito in Italia è stato Conto Arancio, ma una grossa spinta al diffondersi di questa forma di investimento è stata data anche dall’avvio a partire dagli anni 80 dei Fondi Comuni di Investimento. Rispetto a questi ultimi il Conto deposito offre una garanzia in più: il capitale non viene intaccato: l’unico rischio è il fallimento della Banca. Questo spiega perché non è solo il maggior interesse offerto a rappresentare per i risparmiatori una ragione di scelta: spesso la Clientela preferisce guadagnare qualcosa meno ma affidare i propri risparmi ad un Istituto che gli sembra offrire maggiori garanzie….

CONTO DEPOSITO: confronti tra gli Istituti

Ci siamo dovuti necessariamente affidare alle ricerche fatte da organizzazioni specializzate per dare una panoramica sulle convenienze, avvisando fin d’ora che comunque tutti gli Istituti sono abbastanza allineati, e se si vuole una rendita di livello superiore bisogna rivolgersi a strumenti finanziari un po’ più sofisticati, quali i “pronti contro termine” o i “certificati di deposito”, o le “obbligazioni” (quelle vere però, non quelle ingannevolmente definite “subordinate”).
Ed è vitale tenere ben presente che al crescere della remunerazione corrisponde una quasi proporzionale crescita del rischio.
In quest’ottica andrebbero considerati anche i risvolti fiscali, ma questo ci allontanerebbe troppo dall’argomento di cui stiamo parlando.

È da notare che all’interno degli stessi gruppi bancari si possono trovare proposte diverse, quasi sempre dovute al fatto che sono migliori i rendimenti offerti online rispetto a quanto disponibile agli sportelli dove i costi per le sedi e il personale incidono ormai troppo.
Notevoli differenze ci sono ovviamente anche i tra conti vincolati e i conti liberi (ad esempio la redditività tra vincolato a 12 mesi e libero presso il Banco di Santander – che è in testa a questa speciale classifica – abbatte addirittura di 3/4 circa la remunerazione!

Infine siccome a fronte di un conto deposito per motivi di comodità dello stesso Cliente viene abitualmente abbinato un conto corrente ordinario dove canoni, spese e costi non sono evidenziabili, invitiamo i lettori a non prendere per oro colato la classifica riportata, ma anzi a investire un po’ del loro tempo nella ricerca della banca giusta prima di investirci del danaro.

E ricordarsi che ogni volta che si presenteranno allo sportello di una qualsiasi Banca dovranno difendersi dalle sirene dei vari “promotori” che cercheranno di indirizzarli verso investimenti più convenienti…
Ragionino con la loro testa: se hanno deciso per un “conto deposito” non si facciano allontanare dalla loro scelta: a cambiare e allargare gli orizzonti c’è sempre tempo!

Per quanto riportato sopra ci limitiamo a elencare solo i nomi degli istituti che più abbiamo visto frequentare le zone alte delle varie classifiche riportate sulla stampa e sui vari siti online.
I tassi di remunerazione offerti come dicevamo sono molto allineati e non superano il 2% lordo per i vincolati, mentre si attestano attorno all’1% per i conti liberi.

  • Bancadinamica (CARISMI)
  • Banca della Provincia di Macerata
  • Banca Farmafactoring – Gruppo Banca Farmafactoring
  • Banca Popolare di Bari
  • Banca Popolare di Cividale
  • CheBanca! banca retail del Gruppo Mediobanca.
  • Santander Consumer Bank
  • Webank (BPM) – Gruppo Banco BPM
  • Widiba – Gruppo Monte dei Paschi di Siena
  • Unipol Banca, – Gruppo Unipol

 

Opinioni e Informazioni Migliori Conto Deposito

Conto Deposito Rendimax: per 18 mesi un risparmio al TOP Promozione Conto deposito Rendimax Rendimax, il conto deposito online di Banca IFIS, lancia una promozione dedicata a chiunque voglia approfittare di un alto tasso redditizio associato a solidità ed a sicurezza. Per chi è alla ricerca di un impiego remunerativo a cui affidare la liquidità per...
Conto Deposito: i trend del 2018 / 2019 La gestione degli italiani per i propri risparmi In tempo di crisi, è pratica comune per gli italiani tenere i soldi in cassaforte o nelle banche. Veniamo infatti spesso chiamati come popolo di formichine. Anche per questo motivo, stiamo assistendo ad un boom per quel che riguarda i conti di deposi...
Il conto corrente bancario: info e novità 2018 Il conto corrente bancario sembra dover affrontare dure sfide per l’anno appena iniziato. A differenza dei tassi sui mutui che stanno godendo di un buon periodo, i costi dei conti correnti sono aumentati. Per questo strumento di risparmio, uno dei più adoperati dai cittadini, sembrano esserci nov...
Conto Deposito Intesa Sanpaolo Banca Intesa: cos'è un conto deposito Quando si parla di conti bancari, il più delle volte si pensa al tipico conto corrente; i risparmiatori più informati, invece, di certo sapranno cosa sia un conto deposito. Un conto di deposito altro non è che un conto corrente con funzionalità limitate, creat...
Il conto corrente bancario