Conti Deposito 2017: perché non hanno più il successo di una volta?

Confronta i migliori conti deposito 2019

Rivoluzione e aria di cambiamento per il 2018: le norme che rientrano nel MiFid II andranno infatti a cambiare i conti deposito, portando avanti due fattori fondamentali, quali la trasparenza e la riduzione dei costi.

Sono proprio questi due aspetti che stanno determinando l’evoluzione negativa dei conti deposito, soluzioni finanziarie che in passato hanno avuto notevole successo tra gli italiani.

Infatti le prospettive di rendimento sulle somme depositate erano piuttosto allettanti. Attualmente i tassi permettono di ottenere guadagni che variano tra l’1 e il 2,5% in base alla soluzione scelta.

Il conto deposito libero dà la possibilità al cliente di ritirare il proprio investimento in qualsiasi momento, mentre il conto deposito vincolato va a bloccare fino a una scadenza pattuita in precedenza il denaro. E’ comunque possibile entrarne in possesso pagando però una penale.

Conti Deposito 2017: i limiti dei conti deposito liberi e vincolati

Il rendimento di un conto deposito vincolato è più alto di quello dei conti liberi, tuttavia è proprio questa caratteristica ad aver decretato l’evoluzione negativa del prodotto finanziario.

Infatti ci si è resi conto che la capacità del conto deposito di offrire ricavi elevati era legata non tanto alle caratteristiche del prodotto, quanto al contesto macroeconomico e alla strategia di investimento. 

Inoltre pur essendoci diversi istituti bancari che propongono l’apertura di conti deposito senza spese di apertura e di gestione, queste soluzioni non attirano più gli investitori italiani. Le motivazioni principali sono tre:

  • la sicurezza;
  • la diversificazione;
  • la libertà di investimento.

La scarsa sicurezza dei conti deposito liberi e vincolati

Ogni banca italiana aderisce al Fondo interbancario e può depositarvi fino ad un massimo di 100.000 euro. Alla luce di ciò, sono una parte ridotta degli investimenti è tutelata da eventuali oscillazioni o da crisi bancarie. Molti investitori italiani si sono ritrovati con i conti azzerati a causa di crac.

La mancata diversificazione dei conti deposito

Il conto deposito inoltre non permette di diversificare i propri investimenti e tale limite non permette l’ottimizzazione del proprio denaro e di evitare eventuali scossoni di mercato.

Libertà di investimento minima

Se le persone fisiche possono investire senza tetti massimi, le giuridiche devono invece non oltrepassare la soglia massima d’investimento che si ferma a 14.000 euro. Questa limitazione ha spinto diversi investitori a preferire altre soluzioni, come ad esempio il consulente finanziario indipendente.

Gli italiani stanno infatti trovando in queste figure il giusto mix di esperienza, tecnologia e innovazione poiché, tramite la customizzazione del prodotto, è possibile adattare l’investimento ai rischi e all’attitudine dell’investitore.

Opinioni e Informazioni Migliori Conto Deposito

Conto deposito migliore 2020 Al giorno d'oggi risparmiare denaro è diventata un impresa ardua, ci sono continue spese che si presentano di punto in bianco e spesso queste ultime, superano anche di tanto le entrate. Se risparmiare soldi è vista come una cosa difficile, farli fruttare e guadagnare è una prospettiva quasi utopica,...
Conto deposito Unicredit Parliamo, oggi, di Unicredit e del suo speciale conto deposito. Secondo gli ultimi dati statistici, la maggior parte degli italiani tiene i propri risparmi direttamente sul conto corrente. Questo avviene un po’ per pigrizia, un po’ per paura di sbagliare il tipo di investimento, un po’ perché in que...
Conto Deposito Rendimax: per 18 mesi un risparmio al TOP Promozione Conto deposito Rendimax Rendimax, il conto deposito online di Banca IFIS, lancia una promozione dedicata a chiunque voglia approfittare di un alto tasso redditizio associato a solidità ed a sicurezza. Per chi è alla ricerca di un impiego remunerativo a cui affidare la liquidità per...
Conto Deposito: i trend del 2019 La gestione degli italiani per i propri risparmi In tempo di crisi, è pratica comune per gli italiani tenere i soldi in cassaforte o nelle banche. Veniamo infatti spesso chiamati come popolo di formichine. Anche per questo motivo, stiamo assistendo ad un boom per quel che riguarda i conti di deposi...
conto deposito bancario